EHI !!!

Ho una tonnellata di bavaglini...ma se ti va di regalarmene un altro, metti l'importo corrispondente qui, lo tramuteremo in ore di fisioterapia, protesi e/o attrezzature speciali:




UBI BANCA S.P.A. Filiale di Brescia – Via Trento 25

IBAN: IT05G0311111270000000014735


BIC: BCABIT21

INTESTATO A: Isabella Moreschi (mamma di Nina)

CAUSALE: Donazione per Nina

Non scordarti di mettere il tuo recapito o di mandarci una e-mail in modo da poterti ringraziare!


per informazioni: inviaggioconnina@gmail.com


mercoledì 12 ottobre 2011

Benvenuti in Olanda (di Emily Perl Kingsley)

“Mi hanno chiesto spesso di descrivere l’esperienza di allevare un figlio con una disabilità, per cercare di aiutare la gente che non ha vissuto questa esperienza unica a capirla, ad immaginare come ci si sente.
E’ come…

Quando stai per avere un bambino, è come pianificare una favolosa vacanza in Italia.
Compri grandi quantità di guide e fai i tuoi progetti meravigliosi. Il Colosseo. Il David di Michelangelo. Le gondole a Venezia. Puoi imparare qualche frase utile in Italiano. E’ tutto molto eccitante.
Dopo mesi di attesa impaziente, il giorno finalmente arriva. Prepari i tuoi bagagli e parti.
Parecchie ore più tardi l’aereo atterra.
Lo steward arriva e dice “Benvenuti in Olanda”.
“Olanda?!” dici. “Che vuol dire Olanda?? Io avevo prenotato per l’Italia! Io avevo creduto di essere in Italia. Per tutta la vita ho sognato di andare in Italia.”
Ma c’è stato un cambiamento nel piano di volo.
Sono atterrati in Olanda e là devi stare.
La cosa importante è che non ti hanno portato in un posto orribile, ripugnante o indecente, invaso dalle pestilenze, dalla fame e dalla malattia.
E’ soltanto un posto diverso.
Così devi uscire e comprare una nuova guida. E devi imparare da zero un nuovo linguaggio. E incontrerai persone che non avresti mai conosciuto.
E’ solo un posto diverso.
C’è un’andatura più lenta che in Italia, meno impetuosa che in Italia. Ma dopo che sei stato lì un po’ di tempo e riprendi fiato, ti guardi intorno e cominci a notare che l’Olanda ha i mulini a vento…e … l’Olanda ha i tulipani.
L’Olanda ha anche Rembrandt.
Ma tutti quelli che conosci sono occupati ad andare e venire dall’Italia… e si vantano del periodo meraviglioso che hanno vissuto lì.
E per il resto della tua vita, tu dirai “Sì, era quello il luogo dove io avevo creduto di andare. Quello era ciò che avevo pianificato.”
Ed il dolore per questo mai, mai, mai, mai andrà via… perché la perdita di quel sogno è una perdita molto, molto significativa.
Ma…se trascorri la tua vita rimpiangendo il fatto che non sei andato in Italia, non potrai mai essere libero di provare gioia per le cose molto speciali e incantevoli che offre l’Olanda.

Emily Perl Kingsley

9 commenti:

  1. WELCOME IN THE NEDERLANDS! (EPK)

    “They asked me to describe the experience of rising a kid with disabilities, in order to help help people that never lived this unique experience to understand it, to immagine who you feel about it.
    It's like if...

    When you wait a kid, it's like if you plan a fabolous journey in Italy.
    You buy a good bunch of tour guides, and make your great plans for the trip. The Colosseum. Michelangelo's David. Venice and her Gondols. You can even learn some phrases in Italian. Everything is very exciting.
    After mounths of waiting, finally the Day arrives. You prepare your baggage and leave. after many hours you get land. And the flight assistant says: "Welcome in the Nederlands".

    “The Nederlands?!” you shout. “what does it mean The Nederlands?? I booked a vacation to Italy! I thought I would have been in Italy. I spent my whole life dreaming to go in Italy.”
    But there was a change in the flight plan. We landend in the Nederlands, and there you have to stay.

    The important think is that they didn't bring you in an orrible, noisome, disgusting place, invaded by plague, famine o deseases.
    It's simply a different place.
    So now you must buy a new tour guide, and learn a new language starting from scratch. And you will meet and know people that never you'd have met. Simply a different place. They may be slower than in Italy, life may be less arduos than in Italy, but after a while you are there, and you catch your breath, you start looking around and realize that in the Nederland there are the wind mills, ... and in the nederlands there are the tulips. The Nederlands have Rembrandt too!
    But all tose you know are pretty much involved to go and come from Italy, and are proud of the wonderful period they spent there. And for the rest of your life you will say "Yeah, there was where I meant to go. Tere is what I planned.”
    And the grief for that will never, ever, ever, ever go away... since the loss of that dream is a very, very significant loss. But ... if you spend your live saddening for the fact that you didn't go to Italy, You will never be able to joy for the very special and deliciuos things that The Nederlands can offer.

    RispondiElimina
  2. ...Mami... sei una grande in ogni parte del mondo... in tutti i posti dove il tuo/vostro viaggio con Nina ti/vi porti... ;-)))...
    un abbraccio a all family... ;o)))
    Ciao!
    M.

    RispondiElimina
  3. senza parole..................

    RispondiElimina
  4. Meraviglioso. Credo descriva tutto alla perfezione, grazie.
    Dani

    RispondiElimina
  5. Fuor di metafora: la storia della mia vita, io l' olandese me lo sono sposata per andarci a vivere in Canada. Ok, questo è un dettaglio triviale rispetto a quello che vuole dire la tua storia, ma ci azzeccava troppo con me.
    Per tornare al tema, invece: si, il dolore della delusione va preso molto molto sul serio, oserei dire che farlo è il primo passo per accogliere e apprezzare quello che hai e le infinite meraviglie che ha in serbo per te. Il che ci dice anche quanto nella nostra vita viene influenzato positivamente o negativamente da come decidiamo di prenderlo in mano ed esercitare il nostro potere, per quanto scarso, su di essa. Grazie

    RispondiElimina
  6. Great web site you have got here.. It's hard to find excellent writing like yours these days. I honestly appreciate individuals like you! Take care!!

    Feel free to surf to my web site: Study Techniques

    RispondiElimina
  7. Small business owners who do business online have to compete against their competitors to remain profitable.

    This helps you immensely because the site crawlers will honor this, and you will see
    much better search engine rankings. Previous core objective of an affiliate project was
    a good ranking on lead or sale-related terms, such as "limousine rental", "buy dishwasher", "Dating Online" and
    other keywords.

    Have a look at my web site local search engine optimisation

    RispondiElimina
  8. cara mamma di nina, ho scoperto il vostro blog da poco e per caso. voglio dirvi che siete eccezionali, tutti. vi abbraccio e vi leggo piangendo e ridendo, cercando di recuperare in fretta le tappe di questo viaggio bellissimo. siete davvero eccezionali e spero di poter aiutare nina in qualche modo, intanto diffondendo il vostro blog. sono di roma, ma vivo momentaneamente a londra... vi abbraccio, francesca

    RispondiElimina
  9. Ho gli occhi annebbiati dalle lacrime...
    E' come se qualcuno ha tradotto in versi quello che io,
    mamma,
    vivo ogni giorno, mentre accudisco amorevolmente il mio
    bambino " olandese "....
    GRAZIE per l'emozione che mi hai dato!

    RispondiElimina