EHI !!!

Ho una tonnellata di bavaglini...ma se ti va di regalarmene un altro, metti l'importo corrispondente qui, lo tramuteremo in ore di fisioterapia, protesi e/o attrezzature speciali:




UBI BANCA S.P.A. Filiale di Brescia – Via Trento 25

IBAN: IT05G0311111270000000014735


BIC: BCABIT21

INTESTATO A: Isabella Moreschi (mamma di Nina)

CAUSALE: Donazione per Nina

Non scordarti di mettere il tuo recapito o di mandarci una e-mail in modo da poterti ringraziare!


per informazioni: inviaggioconnina@gmail.com


mercoledì 3 aprile 2013

Microbolario - aprile 2013



 
 
E' tempo di aggiornare il Microbolario, settore in cui (finalmente!) iniziano a registrarsi timidi progressi :-)
Nina, dopo un lungo periodo di quasi-silenzio intervallato da qualche sillaba a casaccio, è passata all'uso della LIS (Lingua Italiana dei Segni) per qualche parola di uso comune come gli animali, i colori, mamma e papà, acqua ed altre cosine così.
E' stato un salto molto importante, perchè abbiamo iniziato ad interagire in modo molto più soddisfacente, riuscendo a  fare diversi giochi che prima non erano possibili, come indovinare un colore o un animale, utilizzando i gesti. Nell'arco della gionata capita spesso che io le chieda dove è  una determinata cosa e lei riesce finalmente a rispondermi; oppure è lei che mi fa domande precise con i segni ed io le rispondo a voce, insomma...è bello!
Ad esempio un giorno, per strada, Nina sentiva abbaiare un cane ma non lo vedeva dato che era su un balcone; ha attirato la mia attenzione ma non ho subito capito cosa volesse. Poi ha tirato fuori dal cilindro il segno di "cane" e di "dove" e quindi le ho potuto rispondere, ha visto il cane ed è rimasta molto contenta e soddisfatta :-)
Ad oggi conosce una buona quantità di segni e pare apprenderli senza sforzo (anzi, a volte me ne propone qualcuno che non mi ricordo ma che evidentemente abbiamo già affrontato a Logopedia, facendomi anche vergognare un pochino, eh eh).
Ma il bello è che la LIS si sta rivelando quello che, nei miei sogni più rosei, avrei voluto fosse: un ponte per arrivare al linguaggio parlato.
Infatti noto con piacere che la Microba non si sta "adagiando"sul fatto di conoscere diversi segni, ma si sta sforzando di allenarsi a produrre dei suoni coerenti.
Certo, ci sono delle difficoltà intrinseche nella conformazione della mandibola e del palato, ma si sta impegnando davvero molto e ciò è positivo!
Per ora è riuscita ad inserire queste new entries:
 
-Hhhi è? (Chi è?)
-Cacco (gatto)
-Ca-e (cane)
-Tatà (papà)
-Nanna (mamma ?)
-Na (no)
-Hhhhhhiiiiiiiii (sì)
 
Spero di poter incrementare questa piccola lista a breve con qualcosa di nuovo ;-)
 
Nel frattempo, mi piacerebbe che la LIS venisse riconosciuta ufficialmente come lingua, cosa che l'Italia si è "scordata" di fare nonostante abbia firmato nel 2006 una Convenzione dell' ONU (mica pizza e fichi!) sui diritti delle persone disabili. Mi auguro che per Nina sia solo uno strumento di passaggio, ma per molte altre persone non lo è, è VITA e per questo mi sembra inconcepibile che non sia ufficiale. Se vi va di dare una mano affinchè questo diritto "banale" si concretizzi, potete firmare questa petizione rivolta alla Camera e al Senato oppure condividere il link.
 
Su Twitter potete seguirla cercando #iosegno.
 

15 commenti:

  1. <>
    Qui da noi l'ASL (American SIgn Language) e' riconosciuta come lingua "straniera" anche nelle scuole, e infatti nella nostra high school e' possibile fare il corso di ASL invece, chesso', di francese o tedesco, e ricevere gli stessi crediti. Tra l'altro gli interpreti di ASL vengono pagati molto bene, soprattutto ad eventi come concerti etc. Non sapevo che in Italia invece...

    Volevo confermarti che, per la maggior parte dei bambini, la lingua dei segni serve proprio solo come catapulta nel linguaggio parlato. Pensa che ancora oggi, che parla come un treno in corsa senza freni, la mia Fagiolina ogni tanto quando dice certe parole, come ad esempio "more", le gesticola!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moky! Mi sono persa questa cosa....tua figlia ha/ha avuto problemi di udito? Se sì, risolti?
      :-(

      Elimina
  2. Ciao Isabella l'Italia purtroppo si è dimenticata di fare tante cose.
    Ma Nina è una vera forza della natura e riesce sempre a stupirci.
    un grosso abbraccio.
    Milena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo di non dover dipendere a lungo da queste cose, dai ;-)

      Elimina
  3. petizione firmata.... inviata al mondo che mi circonda... e felice di sapere che la piccola fa i suoi progressi .... ma ricorda... per quanto Nina sia speciale... è fortunata ad avere una mamma e un papà come voi! :-) un abbraccio Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Francesca.
      l'importante è che chi parte svantaggiato, possa poter scegliere l'opzione più conveniente per alleviare o risolvere il suo problema. una semplice firma magari può dare una mano fondamentale a qualcuno. ;-)

      Elimina
  4. Ca-e invece di bau mi sembra un'ottima premessa, non si accontenta della via più facile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che l'opzione "bau" non è stata nemmeno proposta ;-)

      Elimina
  5. Ma che grande che è diventata!!....vederla in questa foto e ricordarla com'era piccina!!!! Ma non sarà il caso di lasciare il termine Microba??? non lo è più davvero....anche se a me piace molto heheheheheheehe!!
    Vedrai come farà veloce a parlare senza problemi...Lei sta facendo in ritardo quello che tutti avrebbero fatto ad un paio di mesi....E' stata fregata da quei medici deficienti....Se tutto l'ambaradan dell'ipoacusia si fosse riscontrato prima ora la cucciola parlerebbe già....Ninetta ha già il suo futuro lavoro tra le mani(ed è davvero il caso di dire così)...Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo l'ipoacusia è stata diagnosticata che non aveva nemmeno un mese di vita, eravamo ancora in Terapia Intensiva Neonatale! :-( Quando è uscita, a quasi 2 mesi abbiamo fatto un uklteriore controllo, che ha confermato i sospetti della nascita. E' a Roma che poi ci hanno fatto perdere più di 8 mesi rimbalzandoci di visita in visita con motivazioni assurde e facendoci perdere del tempo prezioso :-(

      Elimina
    2. Si..,.magari non le cose esatte, ma ricordavo bene che c'era la colpa di medici assurdi per l'inizio della terapia ecc ecc....Quindi è comunque colpa loro..... Bah!

      Elimina
  6. Grande Nina!!!!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  7. letto e subito firmato.
    forza ninetta
    che la Forza sia con te

    RispondiElimina