EHI !!!

Ho una tonnellata di bavaglini...ma se ti va di regalarmene un altro, metti l'importo corrispondente qui, lo tramuteremo in ore di fisioterapia, protesi e/o attrezzature speciali:




UBI BANCA S.P.A. Filiale di Brescia – Via Trento 25

IBAN: IT05G0311111270000000014735


BIC: BCABIT21

INTESTATO A: Isabella Moreschi (mamma di Nina)

CAUSALE: Donazione per Nina

Non scordarti di mettere il tuo recapito o di mandarci una e-mail in modo da poterti ringraziare!


per informazioni: inviaggioconnina@gmail.com


lunedì 3 settembre 2012

Quando prudono le mani...

This post is translated by Moki in the comments :-)
 



Vacanze finite.
AAAAARGH!
Nina e tutta la tribù sono tornate alla base dopo un lungo viaggio.
Viaggio che non era iniziato nel migliore dei modi, in quanto siamo rimasti mezz'ora in pista con l'aereo rotto (ma il riscaldamento a manetta funzionava benissimo!)
E senza notizie su quando saremmo ripartiti.
Nonostante avessimo una coincidenza da prendere, sono riuscita (stranamente!) ad astrarmi e a non inkazzarmi come al solito, immergendomi nella lettura di un libro: forse un po' ci speravo al prolungamento (anche se per 1 giorno solo) della vacanza lì nell'amena località di villeggiatura o nella capitale, magari a salutare zii e cugine di Papà Velcro.
Non mi sono nemmeno preoccupata per la mancanza dei latti speciali per Nina..per un paio di pasti avremmo ovviato inventandoci qualcosa.
Tralascio i dettagli dell'attesa, con una Piccola Hooligan scatenata e una Microba in preda a dei reflussi imbarazzanti, prontamente raccolti con una ciotolina (ci sarà una specialità olimpica? no, perchè siamo diventati velocissimi ad estrarre un qualsiasi contenitore adatto all'uopo).
Con un ritardo di ben 3 ore e mezza, siamo finalmente partiti, atterrando giusto quando la coincidenza intercontinentale avrebbe dovuto decollare.
Non vi dico la corsa, dato che l'aeroporto è mega-galattico, con trolley, borse, nane, passaporti e boarding-pass in bocca.
Saliamo trafelati e sudati, fortunatamente la coincidenza ha aspettato mezz'ora l'aereo in ritardo.
Davanti io, con Nina nel marsupio, zainetto, borsa, Piccola Hooligan per mano e dietro papà Velcro con trolley di piombo ed altre borse.

Aereo tutto pieno, individuo la nostra fila: mi si para davanti un tizio che, alzandosi dal nostro posto, mi apostrofa sgarbato:

"Non potevate perdere l'aereo?"

e sbuffando lancia un'occhiata languida in direzione di un cesso una tipa alla quale evidentemente voleva trenere la mano per tutto il volo.

Ciccio, io ti auguro di andare oltre alla limonata col cess..aehm, con la tizia, di avere un paio di pargoli (non te ne auguro uno fuori standard, sono buona) di alzarti all'alba, raccattare metri cubi di bagagli, attendere mezz'ora in un aereo impazzito con un phon a 50°C diretto sulle tue pupille, riscendere ed attendere 3 ore e mezza senza che nessuno ti dica un kaiser, coi bambini psichedelici che mettono a ferro e fuoco la hall, poi partire e correre a perdifiato dandoti un trolley di marmo nelle caviglie e facendoti un bondage sado-maso alla carotide con un paio di borse, per poi vederti parare davanti uno sfigato con una faccia da cretino ed una camicia pure peggio che ti sbeffeggia con un "Non potevate perdere l'aereo?" per poter pomiciare tutto il volo con una coi baffi e l'occhio da triglia.
Il tutto a 40 anni suonati.
Quel giorno vorrei che tu postassi un commento sulle tue reazioni qui.
Sempre che dal carcere te lo lascino fare.

Mentre la mia mente pensava ciò (insieme a un milione di improperi) il mio corpo riusciva a sibilarti, con la faccia inferocita e lo sguardo fulminante, un più diplomatico:

"Stai scherzando? Sono 7 ore che siamo in giro, dato che si è rotto l'aereo!"

Ora, col senno di poi, rimpiango che la Microba non ti abbia sparato il passato di verdura + spigola dall'odore nauseabondo su quella camicia a righine sfigata.

11 commenti:

  1. Sfigato è dire poco.......!! che imbecilli cazzoni esistono al mondo.....
    un bacio
    Chiara e la piccola Emma

    RispondiElimina
  2. Ormai non ci si può più stupire della gente che c'è in giro... ma io dico!!!
    Stavo per scriverti l'ultima frase del tuo post pure io!!! Proprio un peccato che la Microba non abbia cambiato colore alla camicia del tizio sfigato...

    RispondiElimina
  3. Altro che prurito alle mani!!!!!!
    Mmmmmmmmmmh.................che nervoso quando capitano queste cose!!
    Non so chi ti ha tenuta.....
    Un abbraccio.
    Claudia - Gli eventi di Claudia -

    RispondiElimina
  4. ma eravate a sharm? un abbraccio a tutti! mao ;-)))

    RispondiElimina
  5. ... vai tra che la valigia al simpaticone gliel'hanno persa!!!bacino alle bimbette!!!!!

    RispondiElimina
  6. Ma come hai fatto??? come diamine hai fatto a rispondere così gentilmente ad un grezzo cafone simile??? Io avrei risposto con un "mavaffanc@@o...e levati dai piedi velocemente perchè mi infastidisci le bambine con la tua faccia mostruosa.!!!!!"
    No...non so come tu possa non avergli dato un cazzotto.....

    RispondiElimina
  7. Io, molto più diplomaticamente non gli avrei parlato, glia avrei mostrato un dito a caso...

    RispondiElimina
  8. non resta che sperare che la "cessa", oltre ai baffi, avesse anche "altro" nascosto sottogonna e che al momento buono, a peggiorare l'amara sorpresa, scambiassero il dentifricio per vasellina!
    Adelia

    RispondiElimina
  9. For the English speaking readers, here's the english version of the post. :)
    WHEN THE HANDS ARE ITCHING.

    The vacation is over. AAAAARGH!
    Nina and the entire tribe have come back home after a long trip.
    This trip back didn't start in the best way, since we were left for half an hour on the runway, sitting in a broken plane (naturally the heating system worked perfectly at full-blast!). No news on when we would be able to leave again.
    Even though we had a connecting flight to catch, I was able (strangely) to let my mind wander and not get pissed off as usual, focusing on reading a book: perhaps I was hoping that we could prolong a bit the vacation (even for just one day), in the pleasant vacation spot or in the capital, maybe to say hello to Velcro Daddy's Uncles and cousins.
    I didn't even worry about the lack of the special milks for Nina... for a couple of meals we would have figured someting out.
    I'm not gonna bore you with the details of the wait, with The Little Hooligan gone wild or The Microbe suffering from some embarassing reflux bouts, quickly caught with a small bowl (there's gotta be an olympic competition, no? Because we've become super-quick at pulling out any kind of container that might do the job).
    After a 3 and a half hours delay, we finally took off, landing right when the intercontinental connection was supposed to take off.
    I'm not even going to tell you about the mad rush, since the airport is gigantic, dragging trolleys, bags, little ones, passports, while holding the boarding passes in our mouths.
    We boarded the plane, exhausted and sweaty, since luckily the connecting flight waited half and hour for our delayed plane.

    I'm in front, with Nina in my baby pouch, with backpack, bag, and holding The Little Hooligan by her hand, and behind us, Velcro Daddy with our lead-filled trolley and other bags.
    The plane is completely full, I spot our row: some guy steps right in front of me, after getting out of our seats, and rudely addresses me:

    "Why couldn't you miss the flight?"

    And panting, glances over to a dog ... ahem, a woman whose hand he evidently wanted to hold the entire flight.

    Honey, I wish, after making out with the dog... ahem, the chick, you guys move forward in your relationship and end up having a couple of kids (I'm not even wishing you one "out of standards", I'm being good), and having to get up at the crack of dawn, collect several cubic meters of clothes, wait for half an hour on a crazy airplane while a hair-dryer is blowing 50C air in your pupils, get off and wait another 3 and half hours without anybody telling you anything, while your psycho kids ransack the waiting area, take off again, then run at breakneck speed, after you hit your ankle with a marble-laden trolley and after you give your carotide an indentation worthy of a S&M bondage fantasy with a couple of bags, only to have to look at a shmuck with a dumb face and an even worse shirt that will mock you with a "Why couldn't you miss the flight?" so that he can make out with some chick with a mustache and dead fish eyes. At the ripe age of 40.

    Well, that day, I wish you'd leave a comment to this post. Of course, if they'd let you do it from the prison cell you'll be sitting in.

    While all these thoughts were racing through my head (with about a million other choice words), my body was able to hiss back at you, with a ferocious face and an evil-eye, a more diplomatic:

    "Are you kidding me? We've been out for 7 hours, thanks to the broken plane!"

    Now, hindsight is 20/20, I only regret that The Microbe didn't shoot her vegetable puree and the bass with nauseating stench on that striped hapless shirt of yours.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks for the translation! :-)

      Elimina
  10. Moky, sei deliziosa, come tutta la tribù Nina&co!

    RispondiElimina